Il festival Mixitè è un festival di teatro che ha per tema l'inclusione nella differenza, la mescolanza in ogni sua forma, sia artistica che sociale, quel bisogno di conoscenza reciproca che ribalta gli stereotipi e scioglie le paure.

Il festival quest'anno giunge alla sua terza edizione, e dal 13 al 15 settembre animerà per la prima volta il Teatro Ringhiera di Milano.

Dopo il successo delle prime due edizioni allo Spazio MIL di Sesto San Giovanni (MI), con 2000 presenze in 9 giorni, il festival ideato e organizzato dalla Compagnia Teatrale Dionisi con il contributo di Fondazione Cariplo, sperimenta una nuova formula.

Attraverso commissioni sul tema della Differenza (con particolare riferimento a quella di genere), sono stati coinvolti nella programmazione sei fra i più interessanti drammaturghi italiani: Magdalena Barile, Ira Rubini, Letizia Russo, Massimo Sgorbani, Giampaolo Spinato e Roberto Traverso.
Visioni contemporanee, caustiche, scorrette, a volte dolorose, sempre autentiche.

Saranno con noi:

ARIANNA SCOMMEGNA | LETIZIA RUSSO | SERENA SINIGAGLIA | IRA RUBINI | GIAMPAOLO SPINATO | MASSIMO SGORBANI | ROBERTO TRAVERSO | WALTER LEONARDI | CARLO GIUSEPPE GABARDINI | PAOLO LI VOLSI | CHIARA STOPPA | TERZO SEGRETO DI SATIRA | RENATA CIARAVINO | ELVIO LONGATO | MAGDALENA BARILE | CARLO COMPARE | ALEX CENDRON | NINA MADU' | SANDRA ZOCCOLAN | CASSANDRA CASBAH | MASSIMILIANO PENSA | ULISSE GARNERONE | FABIO MARCONI

3 giorni di maschilità e femminilità non conformista, eccentrica, imprevedibile.
3 giorni di spettacoli, concerti, debutti assoluti.
3 giorni di SMODATA MIXITE'!



Guarda il programma del festival.



ma cos'è mixitè?

"Mixitè" è una parola francese che significa mix, mescolamento, miscuglio. Usata in diversi contesti, come la sociologia, gli studi sulla multi-etnicità o di genere, l'urbanistica, per indicare inclusione, mediazione sociale, in opposizione alla separazione-segregazione. Quando parliamo di "differenza" facciamo riferimento a una riflessione teorica che a partire dall'individuazione della differenza sessuale si allarghi a tutti gli individui che possiedono solo in parte o non possiedono affatto le caratteristiche necessarie per rientrare nella categoria di "soggetti normali". Pensiamo, in riferimento a questo tema, anche a un insieme di pratiche in grado leggere la non-neutralità delle dinamiche di potere e in grado di scardinare le azioni di esclusione e di marginalizzazione ad esse connesse. Queste pratiche di scardinamento si operano, nel nostro caso, in campo linguistico attraverso lo strumento del Teatro. Consideriamo il riconoscimento e l'integrazione della "Differenza" il punto di partenza di ogni evoluzione. Per questo secondo noi la "Differenza" va portata in scena e lì vista, conosciuta, analizzata, immaginata.

il comitato popolare/ il bando mixitè

ll festival è sostenuto da un comitato popolare formato da persone della società civile interessate a partecipare al progetto. Cittadine e cittadini che amano il teatro e che si rendono disponibili a farsi "p.r. sui generis", intercettando tutte quelle persone che seppur interessate a determinati contenuti difficilmente vanno a teatro. Il comitato, che ha la caratteristica di non essere ad alcun titolo composto da operatori teatrali ma da semplici spettatori e appassionati di teatro, costituirà una sorta di giuria popolare. L'idea, ispirata dall'innovativa esperienza di Kilowatt Festival (www.kilowattfestival.it), nasce dalla volontà di avvicinare maggiormente il pubblico e le persone comuni al teatro d'innovazione, permettendo un confronto più diretto tra chi fa teatro e chi lo fruisce. Le funzioni del comitato volontario, dal punto di vista organizzativo, riguardano in particolare:
- la promozione del festival in termini di pubblico, contattando persone e associazioni sul territorio.
- la presenza durante i giorni del festival in qualità di staff di varia natura
Dal punto di vista artistico il comitato si occupa di scegliere uno degli spettacoli da programmare, raccolti con l'emissione di un bando. Attraverso una serie di incontri, il Comitato visiona e valuta tutti i materiali video pervenuti, per identificare lo spettacolo da inserire all'interno del festival.


lo spettacolo vincitore del bando mixitè 2013 è

Piccoli pezzi poco complessi

di Inbalia compagnia instabile.


A causa di motivazioni non dipendenti dall'organizzazione del Festival Mixitè lo spettacolo vincitore del bando Mixitè 2013 "Piccoli pezzi poco complessi" di Inbalia compagnia instabile, non potrà essere programmato durante i giorni del festival. La compagnia sarà comunque presente domenica 15 settembre alle ore 20 per la premiazione. Ecco le motivazioni che hanno spinto il Comitato Popolare del Festival Mixitè a selezionare questo spettacolo:

motivazione del Comitato Popolare
"Interessanti spunti drammaturgici trovano appoggio su un'efficace base recitativa. La tematica della procreazione viene affrontata in uno sguardo critico, senza la pretesa di indicare risposte definitive ma sottolineando e suggerendo le difficoltà esistenziali legate a questa esperienza. E' un lavoro in progress che merita ulteriori approfondimenti"



BANDO MIXITE' 2013


bando       scheda iscrizione

scadenza: 11 gennaio 2013